RIVISTA - psicologo Firenze

Vai ai contenuti

RIVISTA

WISE BABY
THE WISE BABY/IL POPPANTE SAGGIO
RIVISTA SEMESTRALE DEL RINASCIMENTO FERENCZIANO
fondata dalla Società Italiana di Psicoanalisi e Psicoterapia “Sándor Ferenczi”



COMITATO EDITORIALE
Editors-in-Chief: Carlo Bonomi e Gianni Guasto
Associate Editors: Luca Bonini, Clara Mucci.
Segreteria: poppantesaggio@gmail.com






Edizioni ARPA Semestrale
Un numero: 25,00€ (spedizione inclusa) Ebook 9,99€

VOLUME 1(1) 2018
Elizabeth Severn: «genio maligno» della psicoanalisi
a cura di Carlo Bonomi e Gianni Guasto

Elisabeth Severn, definita "genio maligno" da Freud, è la paziente di Ferenczi lo impegnò in una "analisi reciproca", analizzando il suo analista e introducendo un nuovo paradigma nella psicoanalisi.  

Il primo numero di THE WISE BABY/Il poppante saggio, è dedicato al libro che ha scosso il mondo Ferencziano: La riedizione de La scoperta del Sé di Elisabeth Severn, partner analitico di Ferenczi.

La scoperta del Sé della Severn è un complemento essenziale del Diario clinico di Ferenczi. Ci conduce alle radici della Metapsicologia della Frammentazione della Vita Psichica: La Severn descrive l'esplosione della psiche e come il Sé può morire in vita. La Severn vi introduce l'idea che sotto ogni nevrosi vi è una psicosi.
 


VOLUME 1(2) 2018
Al di là della narrazione: Trauma, disconoscimento, testimonianza incarnata
a cura di Carlo Bonomi e Ornella Piccini

Sorta dalle ceneri del paradigma scientifico-naturalistico della psicoanalisi e dal dissolversi dell’illusione che il fattore specifico della cura fosse l’“interpretazione esatta”, l’idea di narrazione si è radicata e diffusa, ampliando il campo, moltiplicando le prospettive, ma anche dissolvendo ogni rapporto con la verità enunciativa.

La stagione della narrazione è anche quella dell’eclissi della verità. Ma la psicoanalisi nasce dal bisogno di verità e non ha ragione di essere se smarrisce questa dimensione etica.

In questo numero speciale sono raccoltii interventi teorici e clinici che illustrano come, al di là delle parole, le radici pre-categoriali della verità affondino nel corpo e nei suoi vissuti.




Torna ai contenuti